Categories

Most Popular

4 errori finanziari comuni commessi dalle donne: Come evitarli?

4 errori finanziari comuni commessi dalle donne: Come evitarli?

È facile commettere errori nella gestione del denaro, che si tratti di un uomo o di una donna. In primo luogo, la maggior parte delle persone si trova così impegnata nella vita quotidiana che semplicemente non ha il tempo di gestire con attenzione i propri soldi e le proprie spese.

Tuttavia, soprattutto per le donne, le conseguenze a lungo termine degli errori di gestione del denaro possono essere disastrose!

Le donne spesso hanno meno risorse degli uomini. 

La ricerca del governo mostra che le donne guadagnano il 22% in meno degli uomini e risparmiano meno di quanto guadagnanoInoltre, le donne oggi spesso vivono alcuni anni in più degli uomini, secondo i Centers for Disease Control and Prevention.

NOTA BENE: Tutti questi fattori combinati significano che i rischi finanziari sono più elevati per le donne!

DUNQUE, IN CHE MODO LE DONNE POSSONO AUMENTARE LE LORO POSSIBILITÁ DI SUCCESSO FINANZIARIO?

Ecco 4 errori comuni che le donne commettono, e cosa fare per risolverli:

  1. Risparmiare troppo poco e troppo tardi per la pensione. Molte donne non risparmiano abbastanza per la pensione. Addirittura già un sondaggio del 2014 del Transamerica Center for Retirement Studies aveva rilevato che le donne contribuiscono in media al 10,8% del loro reddito al conto pensione, mentre gli uomini contribuiscono all’11,4%. Questa differenza potrebbe essere trascurabile a prima vista. Dopo 30 anni, tuttavia, tale aliquota contributiva inferiore può significare $ 50.000 in meno di risparmi per la pensione per una donna che guadagna $ 75.000 all’anno. COSA FARE: le donne possono migliorare i loro risparmi aumentando il loro contributo pensionistico ogni anno; ad esempio, una percentuale aggiuntiva del loro reddito ogni anno.
  2. Avere troppi debiti con la carta di credito/debito. In generale, gli uomini hanno più debiti delle donne, ma è più probabile che le donne mantengano saldi rotativi sulle carte di credito, aumentando le spese. Ad esempio, le donne avevano cinque punti percentuali in più di probabilità rispetto agli uomini di estendere un saldo e sei punti percentuali in più di pagare una tassa per ritardi di pagamento. COSA FARE: il rapporto suggerisce che le donne dovrebbero farsi addebitare sulla propria carta di credito solo ciò che possono permettersi di mese in mese, evitando così addebiti per interessi, e dovrebbero cercare carte di credito con i tassi di interesse più bassi.
  3. Non risparmiare abbastanza sui servizi sanitari o sull’assistenza a lungo termine. Numerosi studi hanno dimostrato che le donne pagano più degli uomini per l’assistenza sanitaria. I Centers for Medicare e Medicaid Services, ad esempio, indicano che le donne spendono in media il 25% in più per l’assistenza sanitaria rispetto agli uomini. Hanno anche maggiori probabilità di aver bisogno di cure a lungo termine perché vivono più a lungo degli uomini. COSA FARE: le donne dovrebbero considerare di risparmiare separatamente per le spese mediche e per l’assistenza a lungo termine in un secondo momento. L’assicurazione per l’assistenza a lungo termine può anche aiutare a proteggere le donne dai rischi finanziari di aver bisogno di questi tipi di servizi nei loro ultimi anni di vita.
  4. Investire in modo troppo prudente. Uno studio del 2010 del Boston Consulting Group aveva rilevato che oltre il 70% delle donne intervistate è favorevole a un approccio di investimento “equilibrato o conservatore”. Altre indagini hanno rilevato che le donne ottengono risultati migliori negli investimenti a lungo termine rispetto agli uomini perché non agiscono in modo avventato. Tuttavia, investire in modo troppo prudente, come mantenere una grossa fetta di risparmi in contanti o obbligazioni, può influire sulla performance a lungo termine. COSA FARE: sarebbe consigliabile agli investitori di conservare una parte del proprio patrimonio in azioni o altri investimenti con un potenziale di crescita più elevato, almeno prima dell’età pensionabile.

Trova altri articoli che potrebbero interessarti qui su giornalefinanza:

    Leave Your Comment

    Your email address will not be published.*

    Forgot Password