Categories

Most Popular

Piano di spesa consapevole: come pianificare il budget guardando al futuro

Hai difficoltà a rispettare il tuo budget? Scopri come un piano di spesa consapevole possa farti lavorare, mangiare e giocare senza sentirti in colpa!!

Dunque, hai pensato di elaborare un nuovo budget per regnare sulle tue spese. 

Ma c’è un problema. Forse proverai di nuovo il mese prossimo, giusto? Il ciclo va avanti all’infinito, e tu rimani deluso e al verde. 

Questo è comune per molte persone, ma perché? I budget falliscono perché insostenibili. Perché sono insostenibili? Perché si concentrano interamente sui bisogni e ignorano i desideri . È qui che entra in gioco un piano di spesa consapevole per salvare la situazione!

Il budget tradizionale consiste nel fare dei tagli e, di solito, la prima cosa da fare è fare cose divertenti. Non hai  bisogno di  un abbonamento Netflix, quindi viene tagliato. Non c’è bisogno di andare a Taco Martedì presso la Cantina di Molina.. Ma cosa ti lascia? Un budget a cui nessuno vuole attenersi. E… un altro tentativo fallito. Lo sappiamo, ci siamo passati tutti. 

La verità è che i budget sono una perdita di tempo. Non pensavi che l’avremmo detto, vero? 

I budget ci fanno sentire in colpa con noi stessi, non forniscono alcuna informazione lungimirante.

Abbandona il budget e inizia invece con un piano di spesa consapevole

Il problema con i budget è che ti fanno guardare  indietro  alle tue spese per apportare modifiche. Quello che succede davvero è che ti guardi indietro e ti senti orribile. E lo fai il mese successivo e poi il mese successivo.

Quello che dovresti fare invece è guardare  avanti e  non indietro! 

Questa è una strategia che chiamiamo “Spesa Consapevole”Nota come si tratta di una spesa consapevolenon di un  risparmio.

Il pensiero alla base di tutto ciò riguarda le abitudini di spesa positive, non il divieto di spendere del tutto!!

Ecco i passaggi alla base del piano di spesa consapevole:

Fase uno: classifica la tua spesa attuale

Iniziamo con una panoramica dei tuoi soldi e delle tue spese. Dovresti essere in grado di classificare la tua spesa in 4 categorie:

  • Costi fissi (affitto e bollette)
  • Investimenti importanti (fondo di emergenza, dichiarazione dei redditi e fondi pensionistici)
  • Obiettivi di risparmio (acconto casa, fondo ferie)
  • Spesa senza sensi di colpa (cene fuori, film, aperitivi)

Analizziamoli ulteriormente!

Costi fissi: cosa ti serve per vivere

A partire dai costi fissi, elenca tutto ciò che devi spendere durante il mese, inclusi canoni di affitto/mutui, rate dell’auto, rimborsi di prestiti, assicurazioni e bollette. Prendi tutto per iscritto e scrivi il costo accanto a ciascuno di essi. 

Una volta che hai finito, aggiungi un ulteriore 15% su ciascuno

Ma perché? Per coprire le cose di cui non hai tenuto conto. In questo modo, se qualcosa dovesse saltare fuori dal nulla, ciò non farà deragliare il tuo mese!

Dopo averlo fatto, sottrai questo costo totale dalla tua paga mensile da portare a casa. Idealmente, questa cifra dovrebbe essere intorno al 50-60% del tuo reddito netto. 

Quello che ti rimane è per risparmi e sfizi personali!

Investimenti importanti: di che futuro hai bisogno per vivere

La tua priorità qui è coprire il tuo fondo pensione. Cerca di risparmiare almeno il 5-10% del tuo reddito al netto delle imposte per il tuo conto.

Obiettivi di risparmio: cosa vuoi per il futuro

La prossima cosa da guardare sono gli obiettivi finanziari per il futuro. Puoi suddividere questa sezione in risparmi a breve, medio e lungo termine. 

I risparmi a breve termine sono cose come gli acquisti di regali o un nuovo paio di AirPods per il quale non vedevi l’ora di giustificare l’acquisto. I risparmi a medio termine includono cose come un anticipo su un’auto e i risparmi a lungo termine sono per articoli di grande valore come un anticipo su una casa o un fondo per il college. 

Se seguiamo la regola del 50/30/20 (50% elementi essenziali/30% desideri/20% di risparmio), gli obiettivi di risparmio e i risparmi per la pensione rientrano nella fascia del 20%. Ciò significa che il 20% della tua paga da portare a casa dovrebbe finire in risparmi. 

Un piano di spesa consapevole e senza sensi di colpa: quello che vuoi, punto

La parte di spesa senza sensi di colpa è la parte difficile. 

Sono tutti quei piccoli costi che si sommano prima che tu te ne accorga!!

I popcorn al cinema, un cocktail in più all’happy hour… È un po’ più difficile prepararsi a questo genere di cose a meno che non si viva una vita sociale rigorosamente pianificata. Idealmente, vuoi mettere da parte il 20-30% della tua paga da portare a casa per questo tipo di spesa e le spese variabili. 

“Ma pensavo che non fossimo autorizzati a spendere in cose divertenti quando facciamo il budget?” 

È proprio qui che i budget diventano insostenibili!!

Ricorda, il budget tradizionale è una perdita di tempo. La maggior parte di noi spenderà questi soldi indipendentemente dal fatto che ci siamo detti di non farlo. Potresti anche decidere quanto spendere per cose divertenti piuttosto che vietarti del tutto di spendere. 

Allocando i tuoi soldi in questo modo, ti assicuri che tutti i costi importanti siano presi in considerazione per primi senza tralasciare le cose divertenti!! 

Fase due: configura il tuo sistema automatizzato

Ora hai una buona idea di dove dovrebbero andare i tuoi soldi, è il momento di automatizzare il tuo budget. 

Prima di tutto, decidi quale percentuale del tuo reddito da portare a casa vuoi inserire in ciascuna categoria. Come accennato in precedenza, una buona regola pratica è il 50% per i bisogni (ad es. affitto, generi alimentari), il 20% per il risparmio (ad es. fondo pensionistico, obiettivi di risparmio) e il 30% per i desideri (le cose su cui ti senti in colpa per aver speso denaro).

Ricorda: il budget è un processo organico. Non è la fine del mondo se devi modificare un po’ le percentuali. Non sentirti in colpa per questo, fa tutto parte del processo. La cosa più importante è che funzioni per te!

Il prossimo passo è dividere i tuoi soldi in ciascuna categoria quando arriva il tuo stipendio. Un modo semplice per farlo è impostare trasferimenti regolari dal tuo conto corrente ai tuoi conti di risparmio. In questo modo non devi nemmeno pensarci. 

Ad esempio, potresti trasferire automaticamente denaro per i tuoi costi fissi su un conto cointestato con il tuo coniuge. Puoi anche trasferire i tuoi soldi senza sensi di colpa su una carta prepagata che usi solo per divertirti. Rendere automatici questi trasferimenti ti farà ringraziare il passato per non averti costretto a prendere queste difficili decisioni ogni mese. 

Terzo passo: tieni traccia

Questa parte probabilmente sembrerà familiare se hai mai scaricato un’app di budgeting prima. Ma piuttosto che partire con una vaga idea di fare tagli e risparmiare denaro, il piano di spesa consapevole fornirà un approccio più mirato.

Quindi, vai avanti e scarica nuovamente l’app di budget o il foglio di lavoro del budget. Le app che consigliamo includono Tiller Money, You Need a Budget o Mint. 

Questi funzionano tutti in modi leggermente diversi. Ad esempio, se sei il tipo di persona che preferisce i fogli di calcolo, Tiller Money è un’ottima scelta. Assicurati di controllare alcune recensioni prima di sceglierne una che funzioni per te.

L’utilizzo di un’app o di un affidabile foglio di calcolo per tenere traccia delle tue spese è un modo semplice per assicurarti di rimanere entro i parametri impostati in precedenza!

Ricorda: è una spesa consapevole, non un risparmio

Il budget non dovrebbe riguardare la privazione di te stesso. Dovrebbe riguardare la spesa per ciò che conta davvero: spendere per ciò che ami e ridurre le cose che non contano. 

Ecco perché la  strategia di spesa consapevole  riguarda la spesa prima di tutto. La maggior parte dei suggerimenti per il budget si concentra su ciò che  non puoi  fare, su cosa non  puoi  spendere i tuoi soldi o su come stai rovinando tutto comprando per esempio il caffè che ami tanto.

Saremo i primi ad ammettere che il budget non è esattamente divertente. Ma se il tuo metodo di budgeting ti riempie di sensi di colpa, terrore e una sensazione di naufragio ogni volta che acquisti qualcosa, questo è un chiaro segno che non funziona per te!

C’è sicuramente un posto per la frugalità e la spesa ragionevole. Non raccomandiamo di spendere per abiti firmati mentre i tuoi conti pensionistici sono vuoti. 

Ci deve essere una via di mezzo tra questo e rendere il tuo budget assolutamente miserabile. La frugalità da sola non è sufficiente per portarti dove vuoi essere. Né è spesa sconsiderata!

Ciò che funzionerà è essere consapevoli delle tue spese e decidere cosa è veramente importante. Ecco perché la divisione 50/30/20 è così meravigliosamente semplice. Si occupa prima delle cose importanti, ma non trascura l’importanza di spendere per te stesso.

Per riassumere, la spesa consapevole non consiste nel guardare il conto corrente  dopo  aver speso i soldi e sentirsi male. Si tratta di sapere quanto spenderai  prima  di fare spese folli. Guarda avanti, non indietro!

Buona spesa consapevole!!

Trova altri articoli che potrebbero interessarti qui su giornalefinanza:

    Leave Your Comment

    Your email address will not be published.*

    Forgot Password