Categories

Most Popular

Regole e leggi sull’intimità: cosa succede quando si muore senza testamento

Come dice il proverbio, “Non puoi portarlo con te”. E a meno che tu non stia pianificando di essere sepolto con tutti i tuoi beni terreni, qualcuno erediterà la proprietà che ti lasci dietro dopo la tua morte.

L’ereditarietà è un problema legale che tutti devono affrontare, ma pochi fanno qualcosa. Mentre le leggi sull’intestino statale servono a garantire che leggi di successione uniformi si applichino a tutti coloro che non fanno conoscere le loro scelte in anticipo, gli adulti capaci possono e devono scegliere quali tipi di eredità vogliono lasciare con un’adeguata pianificazione successoria .

Pensare alla propria mortalità non è un’esperienza piacevole e può mettere a disagio chiunque, motivo per cui troppe persone non prendono mai provvedimenti concreti per pianificare le ripercussioni della loro scomparsa. Capire cosa fanno le leggi sull’intestino e come funzionano è importante per ognuno di noi.

Eredità

Le persone che possiedono una proprietà possono scegliere come vogliono lasciare quella proprietà come eredità dopo la morte. Indipendentemente dal fatto che possieda beni immobili, investimenti, oggetti da collezione, mobili, contanti o qualsiasi altra cosa, il proprietario può, con alcune limitazioni, scegliere come distribuire quella proprietà.

Il diritto di prendere decisioni sull’eredità viene fornito con avvertenze. Come regola generale, i proprietari di immobili non sono obbligati per legge a lasciare eredità a nessuno, compresi i membri della famiglia o anche i bambini. Se possiedi qualcosa, puoi scegliere chi lo eredita dopo la tua morte.

La principale eccezione a questo principio generale è che, se muori durante il matrimonio, il tuo coniuge superstite ha quasi sempre il diritto di ricevere un’eredità da te dopo la tua morte. Ciò significa che anche se crei un piano ereditario che non lascia nulla al tuo coniuge, il tuo coniuge può comunque prendere una parte del tuo patrimonio come eredità. La dimensione di questa quota del coniuge varia da stato a stato e un coniuge superstite può rifiutarsi di prenderla, ma non è qualcosa che puoi eliminare unilateralmente. In breve, una volta sposati, tu e il tuo coniuge guadagnate il diritto di ereditare l’uno dall’altro.

Oltre a ciò, l’altra limitazione chiave sulle scelte di ereditarietà riguarda i metodi. Vale a dire, la legge richiede che i proprietari di immobili debbano rendere note le loro decisioni sull’eredità in modi specifici e legalmente riconosciuti. Sebbene ci sia una varietà di strumenti legali a disposizione delle persone che vogliono fare scelte ereditarie, come l’ ultima volontà e il testamento , solo le scelte fatte attraverso quegli strumenti specifici e riconosciuti possono essere fatte rispettare da un tribunale.

Sfortunatamente, la maggior parte non rende note le proprie scelte ereditarie attraverso metodi legalmente riconosciuti. Secondo l’  American Bar Association , la maggior parte degli americani non ha un’ultima volontà, un testamento o un piano successorio. Mentre le persone senza un testamento o un piano successorio possono avere desideri specifici su ciò che vogliono che accada alla loro proprietà dopo la morte, non c’è modo per un tribunale di far rispettare legalmente tali desideri.

Intestato: decisioni sull’ereditarietà premade

Cosa succede quando le persone muoiono senza lasciarsi alle spalle un testamento o un piano ereditario? E se avessero desideri ereditari specifici? E se facessero conoscere i loro desideri, ma non li annotassero? E se scrivessero i loro desideri, ma non in un testamento? E se raccontassero i loro desideri agli altri, ma c’è un disaccordo su ciò che è stato detto?

Le risposte a tutte queste domande vengono dalle leggi sull’intestino. Le leggi sull’intimità servono come una sorta di rete di sicurezza, catturando tutte le proprietà lasciate da persone decedute che non sono governate da un’eredità legalmente applicabile o da un documento di pianificazione successoria. La rete di sicurezza si applica a tutti allo stesso modo e fornisce lo stesso tipo di quadro quando si determinano i risultati dell’eredità per le proprietà intestate. Altrimenti, ogni volta che qualcuno muore senza lasciare un’ultima volontà e un testamento, i tribunali dovrebbero passare attraverso un laborioso processo per determinare cosa vuole quella persona e come applicare tali desideri a ogni singolo caso.

Quando qualcuno muore senza lasciare un testamento, si dice che quella persona sia morta intestata e che abbia lasciato un patrimonio intestato. Le leggi sull’intimità controllano ciò che accade alle proprietà intestate e danno efficacemente scelte di eredità preesistenti che si applicano a tutti. A meno che qualcuno non intraprenda il passo della creazione di un piano ereditario di qualche tipo, ad esempio lasciando un testamento, le decisioni di eredità predefinite create dalle leggi sulla successione intestata dello stato si applicano alla proprietà – la proprietà – lasciata indietro.

Decisioni sull'eredità premade

Eredità intestate

Come per molti aspetti della legge, le leggi sulla successione intestata differiscono notevolmente da stato a stato. In generale, queste leggi stabiliscono una gerarchia di persone che possono ereditare proprietà da tenute lasciate da persone che non hanno una volontà basata sul rapporto che i sopravvissuti avevano con il defunto (la persona che è morta). In altre parole, le leggi sull’intestino dicono che le persone più strettamente legate al defunto ereditano la proprietà di quella persona.

  • Coniugi . Quando qualcuno muore lasciando un coniuge e nessun testamento e testamento, quel coniuge eredita almeno una parte del patrimonio. Nei casi in cui il defunto non ha lasciato figli e solo un coniuge superstite, il coniuge eredita generalmente l’intero patrimonio, indipendentemente da eventuali altri parenti superstiti.
  • Bambini . Se il defunto ha lasciato dei discendenti (figli, nipoti, ecc.), Questi discendenti in genere ricevono almeno una parte del patrimonio. Ad esempio, se un padre muore lasciando tre figli adulti e nessun coniuge, i figli adulti ricevono ciascuno una parte uguale del patrimonio. D’altra parte, se ci sono sia figli che un coniuge superstite, il coniuge eredita una parte dell’eredità ei figli superstiti si dividono il resto.
  • Genitori e fratelli . Quando qualcuno muore senza lasciare né il coniuge né i discendenti, i prossimi ad ereditare la proprietà sono i genitori del defunto. Se i genitori non sono vivi, i fratelli del defunto ereditano. Ad esempio, se un giovane adulto muore lasciando dietro di sé due genitori sopravvissuti e due fratelli sopravvissuti, i genitori ricevono ciascuno una parte uguale del patrimonio, mentre i fratelli sopravvissuti non ricevono nulla. D’altra parte, se un giovane adulto muore lasciando dietro di sé due fratelli e nessun genitore sopravvissuto, i due fratelli ricevono ciascuno una parte uguale del patrimonio intestato.
  • Parenti più lontani . In situazioni in cui qualcuno muore senza lasciare parenti stretti, coniugi o discendenti, i parenti più lontani ereditano il patrimonio intestato in base alla loro vicinanza di relazione con il defunto. Questi possono includere nonni, cugini, zie o zii o anche parenti più distanti.
  • Escheat . In situazioni in cui qualcuno muore e non lascia parenti superstiti conosciuti o altrimenti identificabili, lo stato in cui vive il defunto o in cui si trova la proprietà diventa l’erede legale dell’eredità. Questo è noto come escheat e, sebbene sia raro, funge da rete di sicurezza finale quando le persone muoiono senza volontà.

Per Stirpes vs. Pro capite

Quando la proprietà immobiliare viene divisa tra i discendenti, le leggi statali utilizzano un metodo di distribuzione “per stirpes” o “pro capite”. Le distribuzioni per stirpe e pro capite si applicano quando ci sono più generazioni di discendenti e quando alcuni dei discendenti sono morti prima del deceduto. Nelle situazioni più comuni, le regole per stirpe e pro capite determinano se i nipoti ricevono l’eredità da un nonno deceduto quando il genitore del nipote è già morto.

Ad esempio, supponiamo che un nonno muoia lasciando tre figli. Ciascuno di quei bambini ha due figli propri, quindi il nonno ha sei nipoti. Cosa succede se uno dei figli del nonno muore prima di lui? I figli del bambino che è morto – i nipoti del nonno – ricevono un’eredità o il patrimonio intestato è distribuito solo tra i figli sopravvissuti?

La risposta a questa domanda dipende dal fatto che il nonno vivesse in uno stato per stirpes o pro capite. In uno stato pro capite, il patrimonio viene distribuito solo ai bambini sopravvissuti. Quindi, poiché il nonno ha lasciato due figli sopravvissuti, ognuno di loro riceve metà del patrimonio del nonno, ei nipoti non ricevono nulla.

D’altra parte, se il nonno viveva in uno stato per stirpes, il patrimonio intestato è distribuito equamente tra membri uguali della prima generazione di discendenti, sopravvissuti o meno. Quindi, i due figli sopravvissuti ricevono ciascuno un terzo del patrimonio intestato, con il terzo rimanente che sarebbe andato al bambino deceduto che sarebbe stato distribuito ai due figli di quel bambino (i nipoti del nonno), il che significa che quei due nipoti ricevono ciascuno un uno- sesta porzione di tenuta.

Adottati e figliastri

Ai fini della successione intestata, i figli adottivi sono trattati allo stesso modo dei bambini biologici. Quindi, se una madre muore lasciando dietro di sé un figlio che ha dato alla luce e un figlio che ha adottato, entrambi i bambini sono considerati discendenti uguali.

Tuttavia, i figliastri non sono trattati allo stesso modo dei discendenti quando il loro genitore acquisito muore senza testamento. Le leggi sull’intimità non conferiscono ai figliastri alcun diritto di eredità. Quindi, ad esempio, se un padre lascia due figli e due figliastri, i suoi figli hanno diritto a ricevere una parte del patrimonio, ma i due figliastri non ricevono nulla.

Convivenza

In situazioni in cui qualcuno muore intestato e ha un partner romantico, il partner romantico non ha diritto a ricevere un’eredità. Le leggi sull’intimità non fanno distinzione tra un partner romantico, ma non sposato, e chiunque altro non sia imparentato con il defunto, e le coppie che vivono in relazioni sentimentali non hanno gli stessi diritti di eredità ai sensi delle leggi sull’intestino dei coniugi. Quindi, quando un partner non sposato muore intestato, il partner non sposato superstite non eredita alcuna parte del patrimonio.

Matrimonio civile

A volte la questione se una coppia romantica è sposata secondo la common law diventa un problema nei casi di eredità intestata. I matrimoni di common law sono uno degli argomenti legali più fraintesi in circolazione, e molte persone che potrebbero pensare o sospettare di essere sposati secondo la common law probabilmente non lo sono. Ad esempio, molte persone credono che la convivenza per un periodo superiore a sette-nove anni renda automaticamente una coppia sposata per diritto comune. Questo non è il caso.

Un matrimonio di diritto comune è quello che ha effetto anche se la coppia non può mai passare attraverso una cerimonia di matrimonio formale, o non riceve mai una licenza di matrimonio. I matrimoni di common law sono matrimoni legalmente riconosciuti ed esecutivi, quindi le coppie sposate in questo modo sono legalmente sposate proprio come qualsiasi altra coppia. Tuttavia, le coppie possono sposarsi solo attraverso la common law se vivono in uno dei pochi stati che lo consentono e solo se soddisfano specifici standard legali.

Secondo la National Conference of State Legislatures , otto stati – Colorado, Iowa, Kansas, Montana, New Hampshire, South Carolina, Texas e Utah – attualmente consentono una qualche forma di matrimonio di diritto comune. I requisiti legali per i matrimoni di common law differiscono in qualche modo, ma essenzialmente richiedono che ciascuna parte sia abbastanza grande per essere sposata, intenda contrarre un matrimonio e presentarsi al pubblico come coppia sposata. Una volta sposati secondo la common law, entrambi i coniugi guadagnano gli stessi diritti di eredità intestata che si applicano a tutte le coppie sposate.

Matrimonio civile

Debiti

La maggior parte delle persone muore lasciandosi dietro sia beni che debiti. Tuttavia, a differenza dei beni, i debiti di proprietà individuale non vengono solitamente trasferiti come eredità nello stesso modo in cui lo sono i beni di proprietà individuale.

Ad esempio, se tuo nonno muore e ti lascia una casa con un mutuo, non erediteresti il ​​debito né saresti obbligato a rimborsare il mutuo. Molte persone in questa situazione scelgono semplicemente di vendere la casa e prendere ciò che è rimasto dopo che il mutuo e gli altri obblighi annessi alla proprietà vengono rimborsati.

In altre situazioni, potresti scegliere di vivere in casa e assumerti la responsabilità di pagare il mutuo, le tasse sulla proprietà e qualsiasi altra spesa ad esso associata. Una legge federale consente agli eredi di rilevare i prestiti sulla proprietà che ricevono e impedisce alle società di mutuo di forzare la vendita della proprietà a causa del trasferimento o di negarti la possibilità di rilevare il prestito anche se non hai affidabilità creditizia .

Altri problemi di intimità

Le proprietà immobiliari lasciano più della semplice proprietà. Insieme alle questioni relative all’eredità, le leggi statali affrontano anche una serie di altre questioni lasciate da persone che muoiono intestinali. Le leggi sull’intimità rispondono a domande sulla gestione della proprietà, sulle tutele e altro ancora.

Intimità e insediamento immobiliare

Un aspetto importante della successione intestata (il processo di prendere la proprietà lasciata e far ricevere le proprie eredità a coloro che ne hanno diritto) è la questione di chi riceve la responsabilità legale e l’autorità per gestire l’eredità. Il processo di liquidazione immobiliare può richiedere mesi, e talvolta anni, per essere completato. Non solo, ma un tribunale (di solito chiamato tribunale di successione ) deve supervisionare il processo di risoluzione per assicurarsi che tutte le regole e le leggi siano seguite, sebbene il tribunale stesso non sia responsabile della gestione dei dettagli.

Nelle situazioni in cui un patrimonio è disciplinato dai termini di un testamento e di un testamento, la persona che ha reso il testamento, noto come testatore, in genere sceglie qualcuno che gestisca l’eredità attraverso il processo di liquidazione. Questa persona è nota come esecutore testamentario , rappresentante personale o amministratore immobiliare. Ad esempio, il padre di tre bambini piccoli potrebbe creare un testamento e un testamento in cui nomina suo fratello esecutore testamentario. Se il padre muore, il fratello ha la responsabilità di assicurarsi che i desideri espressi nell’ultimo testamento e testamento siano eseguiti.

Lo stesso non è vero con una proprietà intestata. Con un patrimonio intestato non esiste alcun documento che indichi chi il defunto volesse servire come esecutore testamentario. Quindi, le leggi sull’intestino consentono a un tribunale di successione di nominare un amministratore immobiliare da solo.

Intimità e dipendenti

Cosa succede ai bambini piccoli quando i loro genitori muoiono intestati? In generale, quando i genitori muoiono intestati non lasciano istruzioni chiare su chi vogliono diventare i tutori dei loro figli.

Quindi, poiché i bambini hanno bisogno delle cure dei genitori, il tribunale di successione deve intervenire e scegliere un tutore per conto dei bambini. Il tribunale valuta chi, se qualcuno, è in grado di prendersi cura dei bambini e, nel farlo, considera ciò che è nel migliore interesse di quei bambini. Nella maggior parte delle situazioni il tribunale sceglie un familiare o un parente disponibile a diventare tutore e conservatore. (Un tutore è una persona che ha la responsabilità di prendere decisioni genitoriali per conto del bambino, mentre un conservatore è responsabile della gestione della proprietà che i bambini ereditano. Alcuni stati usano una terminologia diversa per descrivere questi doveri.)

Tuttavia, in situazioni in cui non vi è alcun membro della famiglia capace o disposto ad assumere responsabilità di tutela, il tribunale potrebbe collocare i bambini nel sistema statale di affidamento, o altrimenti stabilire che dovrebbero essere assistiti come rioni dello stato.

Intimità ed eredità minori

Un altro problema importante che riguarda le persone a carico oi bambini piccoli che sono troppo piccoli per gestire le eredità da soli è la questione della gestione della fiducia. Se qualcuno muore intestato e lascia un’eredità ai bambini piccoli, quei bambini non possono gestire legalmente quella proprietà da soli. Invece, qualcun altro deve intervenire e iniziare a gestire la proprietà per conto dei bambini finché non saranno abbastanza grandi. Come con un tutore, il tribunale nomina qualcuno che gestisca la proprietà per conto dei bambini.

Evitare l’intestino

Chiunque voglia prendere decisioni sull’eredità, o chi non vuole che le decisioni prese dalle leggi sull’intestino statale si applichino a loro, deve creare strumenti di pianificazione ereditaria propri, come un testamento o vari tipi di trust. Le leggi sull’intimità fungono da reti di sicurezza legale che catturano tutti i casi di persone che muoiono senza lasciare dietro di sé strumenti di pianificazione ereditaria o successoria.

Ogni tipo di strumento di pianificazione patrimoniale ha capacità e limitazioni e un piano patrimoniale completo affronta molte più questioni rispetto alle sole questioni ereditarie. Tuttavia, indipendentemente dallo strumento specifico che chiunque sceglie di utilizzare per prendere decisioni sull’ereditarietà, ogni strumento deve soddisfare requisiti specifici.

Ad esempio, se qualcuno vuole fare un’ultima volontà e un testamento e utilizzare quel documento per esprimere desideri ereditari, scegliere un esecutore testamentario e nominare tutori per i loro figli piccoli, il documento che creano deve soddisfare i requisiti specifici dello stato. Questi requisiti differiscono leggermente da stato a stato, ma includono, ad esempio, che i testamenti devono essere redatti per iscritto, devono essere firmati dall’autore del testamento e devono essere firmati da due testimoni competenti. Le persone non possono semplicemente creare alcun documento, chiamarlo volontà e aspettarsi che un tribunale onori le loro decisioni.

In altre parole, mentre evitare l’intestino è spesso facile da fare, spetta agli individui scegliere di farlo da soli. Inoltre, ogni persona deve creare strumenti ereditari o di pianificazione patrimoniale che rispettino le leggi pertinenti, altrimenti i suoi desideri non saranno rispettati e le leggi sull’intestino determineranno cosa accadrà alle loro proprietà. Sebbene siano disponibili una varietà di strumenti di ereditarietà, alcuni sono più comunemente usati di altri.

Qui ci sono diversi strumenti di ereditarietà comunemente usati:

  • Ultima volontà e testamento . Un ultimo testamento, comunemente chiamato testamento, è un documento in cui le persone dichiarano le loro scelte ereditarie. Chiunque abbia almeno 18 anni e sia sano di mente può fare testamento in qualsiasi momento, anche se il documento deve essere conforme a tutte le leggi statali pertinenti per essere valido.
  • Fiducia vivente . Un trust vivente è una forma di fiducia comunemente usata che ti consente di prendere le tue decisioni sull’eredità al di fuori del processo di successione. Una volta creato un trust e trasferito la proprietà al suo interno, il trust diventa il nuovo proprietario di tale proprietà. Dopo la tua morte, la fiducia continua ad esistere e distribuire la proprietà che possiede nel modo che hai deciso quando l’hai creata. Poiché il trust possiede ancora la proprietà, tale proprietà non passa attraverso il processo di successione, ma viene trasferita privatamente in base alle scelte ereditarie che hai fatto.
  • Trasferimento in caso di morte . Alcuni beni, come alcuni conti bancari, ti consentono di scegliere un beneficiario che eredita quel bene alla tua morte. Ad esempio, se hai un conto di risparmio che ti consente di nominare un beneficiario del trasferimento in caso di morte, la persona che scegli erediterà il tuo conto quando morirai.

Evitare le leggi sull'intestino

Conclusione finale

L’intimità è una di quelle questioni legali che sono sempre presenti, ma di cui raramente si parla. Ogni volta che le persone pensano alla morte, alla mortalità e all’esistenza, le questioni legali non sono in genere in prima linea nelle loro preoccupazioni. Tuttavia, comprendere l’intestino e come influisce su di te e sulla tua famiglia se non fai nulla al riguardo è essenziale, indipendentemente dalle circostanze personali o finanziarie.

    Leave Your Comment

    Your email address will not be published.*

    Forgot Password