Categories

Most Popular

Speranze per il consumo: “In Europa si profila una spesa massiccia… ma non prima del 2022”

Speranze per il consumo: “In Europa si profila una spesa massiccia… ma non prima del 2022”

Gli esperti ritengono che il contenimento dei costi sia dovuto alle chiusure, non all’incertezza.

I consumi privati rimbalzeranno fortemente nell’Eurozona. Questa è la previsione degli analisti di Oxford Economics, che ritengono che “stia arrivando una spesa massiccia, ma non prima del 2022”. Le loro previsioni suggeriscono che la spesa aumenterà del 3,1% nel 2021 e di un “sbalorditivo” 7% nel 2022, ben al di sopra di quanto stima il consenso (3,7% e 4,5%, rispettivamente), dato che, a suo avviso, “la maggior parte del contenimento è stata forzata da chiusure piuttosto che da una risposta volontaria all’incertezza “, cioè per precauzione.

I consumi riprenderanno fortemente a metà anno con l’allentamento delle misure di contenimento” e “ci aspettiamo che torni ai livelli pre-pandemici già a metà del 2022, trainati dalla domanda repressa nelle ultime fasi della ripresa”, dicono esperti nella loro ultima relazione sull’argomento. “I consumatori sembrano voler spendere una volta aperti negozi, ristoranti e altri locali” e quindi stimano che ” spenderanno circa un quinto dei loro risparmi in eccesso fino al 2025, che equivale a circa il 3% della spesa annuale dei consumatori”.

Tuttavia, dopo aver accumulato un “eccesso di risparmio per un valore di 500.000 milioni di euro nel 2020”, Oxford Economics osserva che le famiglie “continuano a subire restrizioni nelle loro opzioni di spesa a causa delle misure di contenimento prolungate dal Covid-19“. Credono che sia possibile un ritorno più rapido alla normalità, ma indicano che “le restrizioni persistenti nei settori che richiedono uno stretto contatto sociale (ad esempio viaggi internazionali o grandi raduni come i festival) continueranno a essere un ostacolo durante le prime fasi di recupero”.

In questo modo, gli strateghi di questa azienda sottolineano che all’inizio del 2022 il risparmio in eccesso “potrebbe raggiungere gli 840.000 milioni di euro, il 13% della spesa dei consumatori nel 2019″. Tuttavia, ricorda che l’entità delle riserve di risparmio “varia notevolmente tra i paesi, a seconda della gravità del loro blocco e delle risposte di politica fiscale fornite dai governi.”

Nonostante tutto, questi analisti ricordano che “la natura della recessione limita la possibilità che l’aumento della domanda repressa superi le nostre previsioni”. Come si suol dire, i beni durevoli e semi-durevoli che tipicamente guidano un boom della domanda “hanno contribuito solo per il 15% al ​​deficit di consumo nel 2020”. Invece, ricordano, “la spesa per i servizi colpiti dalla chiusura ha guidato quasi l’80% del calo”, il che indica i “limiti fisici della scala della domanda repressa di servizi”.

I risparmi in eccesso e la spesa per servizi sono concentrati nelle famiglie con redditi più alti, il che rende ancora meno probabile che tutta la spesa per servizi che era stata interrotta lo scorso anno venga recuperata”, insistono questi esperti. Ritengono che i produttori di beni “più probabilmente recupereranno gran parte delle vendite perse e potrebbero persino ottenere un ulteriore impulso dai risparmi sui servizi reindirizzati”.

RECUPERO INSUFFICIENTE IN SPAGNA E IN ITALIA

Oxford Economics si aspetta che tutti i paesi sperimentino “una crescita record della spesa dei consumatori quest’anno e il prossimo“, sebbene avvertano che alcuni paesi si stiano dirigendo verso una “ripresa insufficiente”. É il caso di Paesi come la Spagna, che l’anno scorso hanno sofferto “le più gravi dinamiche di contagio e recessioni” e che, quindi, “sono destinati a vedere i maggiori guadagni”. Tuttavia, a suo avviso, la spesa dei consumatori spagnola e italiana “non raggiungerà i massimi pre-pandemici nel 2022”.

Questa azienda ritiene che la pandemia continuerà a lasciare alcune “cicatrici durature” e che “anche entro il 2025 i livelli di consumo saranno inferiori di circa l’1% rispetto alle nostre previsioni pre-pandemiche”.

Trova altri articoli che potrebbero interessarti qui su giornalefinanza:

    Leave Your Comment

    Your email address will not be published.*

    Forgot Password